Nicola Bulfone

RECENSIONI

Ernesto CAVALLINI (1807-1874)
30 Capriccios for Clarinet: Nos. 1-30 (pub. 1904) [110:28]
Three Duos for Clarinets (1836) [44:59] Nicola Bulfone (clarinet), Marco Giani (clarinet acc. for Three Duos)
rec. August 2005 (capriccios), Auditorium Bratuz, Gorizia, Italy; and October 2012 (duos), Fraferu’s Studio, Tricesimo, Italy
NAXOS 8.573133-34 [78:19 + 77:08]

From Italy comes a two-CD recording of pedagogical material in the form of one of the most stalwart staples of the clarinet studio, the Thirty Capriccios of Ernesto Cavallini. These discs are a remarkable achievement by the Swedish-born Italian clarinetist Nicola Bulfone. Regarding the caprices, Mr. Bulfone says: "They cover everything from Paganini-esque virtuosity to opera-style cantabile writing, and push the performer to the limits of what was technically possible in the first half of the 19th century." They indeed do, and this distinguished so- loist, orchestral player and professor at the Udine Conservatory delivers a compelling recording from beginning to end. Bulfone plays always cleanly with a solidly smooth finger technique and with a rich, very full-bodied tone. His control and articulation are exemplary, even in the stickiest difficult passages. He can circular breathe, although he makes sparing and appropriate use of this technique. (And yes, he does make a non-stop traversal of the F-major allegro study [No. 8 in the Ricordi edition].) Even more notable than Bulfone’s flawless execution is his ability to present these often mechanical studies as engaging music. Many of the studies in bel canto style are inherently entertaining music, some worthy of recital usage perhaps, bur more surprising is how many motor-rhythm studies hold this listener's attention - being a mature teacher, most any of these etudes played this well, is music to these ears. The clarinetist is skilled at delineating the implied harmonic progressions and large structural sections of. even the most problematic studies. The capriccios are presented on these two discs in the order established by Alamiro Giampieri in his edition for Ricordi, the most widely used edition in recent decades. Mr. Bulfone reveals however that, except for the ordering, his recording is primarily based on the earlier 1904 Ricordi edition, which was the first edition to be assembled in one package of Cavallini’s five opera of six studies each, we know as the Thirty Capriccios.
[ William Nichols (Audio Notes) – “ The Clarinet" Vol. 42, U.S.A., June 2015]


Described in the Gazzetta Musicale di Milano as the ‘Paganini of the clarinet’ and by L’Italia musicale as the ‘Liszt of the clarinet’, Italian clarinettist and composer Ernesto Cavallini’s compositions are tremendously exciting. This sense of eagerness and delight is in part due to Nicola Bulfone’s astonishing virtuosity in the 30 Capriccios. Like Cavallini, Bulfone’s tone is soft and his breathing is almost indistinguishable. Split across two discs, the Capriccios are like a sprawling mass of tightly packaged gems. The word ‘capriccio’ itself denotes a sudden change of mind, derived from the Italian meaning ‘head with the hair standing on end - influenced by capra ‘goat’, associated with sudden starting movements - from capo ‘head’ and riccio‘hedgehog’. The word and the music are frisky and lively. The use of arpeggio in No. 3 in C minor recalls Bach’s Prelude to his Cello Suite No. 1 and it is surely irrefutable that No. 6 in D major was a source of inspiration for Prokofiev’s cat. Similarly, the opening of No. 23 in E minor mirrors that of Bach’s Toccata and Fugue in D minor and flourishes into an enticingly rich series of diversions. No. 8 in F major is rather like an exercise in scales; through this pattern Bulfone demonstrates his ease and ability to charm, rather than sounding as if he were in a practise room. With masterful technical skill and focus, Bulfone’s rich, velvety tone is exemplified through the middle register of the clarinet in No. 10 in A minor. Beginning and ending in a spacious and songlike vein, No. 13 in G major is spiced with a mischievous staccato middle section expertly played. The Capriccios on the second CD are generally longer and contain more intricate and shifting rhythms. In No. 15 in C major cascading scales in C major evoke the image of Arshile Gorky’s Waterfall painted in 1943 where morphing shapes and liquid drips of paint resemble the fluidity of a waterfall. No. 17 in A minor sounds rather like Klezmer and certainly has more of an Eastern European than Italianate nature. This is a fascinating piece; Bulfone is excellent at bringing out an array of colours. Recorded with fantastic audio quality, these Capriccios belong to an altogether highly polished album. Accompanied by his top-mark scoring student Marco Giani - he was awarded his clarinet diploma with top marks and honours in Bulfone’s class - Bulfone’s performances of Cavallini’s Three Duos for Clarinets are world premiere recordings. Originally written in 1836 and dedicated to Cavallini’s brother Pompeo, Alessandro Rolla’s duos for violin and cello come to mind as a source of inspiration and comparison. Like the Capriccios, these pieces were composed for teaching purposes. However, Bulfone and Giani remove that sense of rigorous and tiresome practise to render these pieces interesting with elements of elegant Italian bel canto and lively musical conversation. Consisting of only two movements - the first and third duos both contain three movements - Duo No. 2 in A minor is an intriguing work. Bulfone and Giani are seamless as they interweave and corroborate rhythmically and dynamically; their timing and togetherness is brilliant. Being so technically masterful, these virtuosos play with added sensitivity and humility to produce results that are carefully crafted and neatly shaped. The second movement (tempo di romanza) of No. 3 in B flat major opens tenderly and its recurring theme and digression are played affectionately. Praise for Cavallini is extensive as he was admired by both Rossini and Verdi. Whilst at La Scala, Cavallini performed in four Verdi premieres. Indeed, Verdi composed the clarinet solo of the prelude to the third act of La Forza del Destino specifically for him. Both as a composer and performer, he is to the clarinet what Mercadante is to the flute; a composer who manages to blend immensely imaginative originality with traditional themes and structures. On this recording, Bulfone is daring, outgoing and always utterly attentive to the character of the music.
[ Lucy Jeffery – “ Music Web", Coventry, 11.08.14 ]

Nel doppio cd di Nicola Bulfone la storia del clarinetto mozartiano. Le cronache narrano che Mozart si innamorò del clarinetto - nato da pochi decenni - intorno al 1770. Lo strumento immagò il grande compositore che compose capolavori assoluti per lo strumento, figlio del "chalumeau", fra cui il celebre concerto in La Kv 622. Nicola Bulfone, uno dei migliori interpreti del panorama attuale, docente al Conservatorio "Tomadini", apprezzato concertista, con la pubblicazione di un doppio CD dedicato ai 30 "Capricci" per clarinetto di Ernesto Cavallini (1807-1874), compie un'operazione di carattere storico. Per il semplice motivo che del cosiddetto "Paganini" del clarinetto fino ad ora non era comparsa un'opera fonoriprodotta dell'integrale ma solo di un ampio numero. Oltre a ciò nel doppio CD compaiono anche tre composizioni dello stesso autore per due clarinetti in cui Bulfone dialoga con l'ex allievo - e ora affermato interprete a sua volta - Marco Giani. Un'operazione, dunque, anche di seria ricerca musicologica destinata a fornire un documento prezioso sulle composizioni, caratterizzate da difficoltà crescenti, che Cavallini scrisse durante una vita di successo internazionale che lo vide girare l'Europa e approdare nell'Orchestra del Teatro imperiale di San Pietroburgo, laddove Verdi compose per lui l'assolo all'inizio del terzo atto de "La forza del destino". In questa opera di grande impegno registrata all'auditorium "Bratuz" di Gorizia, Bulfone da' prova di una maturità tecnica che era nota da tempo ma qui utilizzata in un ventaglio di modalita' espressive che sembrano essere proprio un compendio artistico, oltreché tecnico, dell'interpretazione clarinettistica. Nel segno della nobile continuità di "Bottega" rinascimentale risulta ancorchè rimarchevole il controcanto di Marco Giani nei preziosi duetti. Pubblicata dalla prestigiosa "Naxos", l'opera integrale dei "Capricci" di Cavallini eseguita da Bulfone costituisce un tassello fondamentale del mosaico di una zona poco nota dell'Ottocento dove rigore e piacevolezza sembrano avere trovato armonioso equilibrio.
[ Marco Maria Tosolini – “ Il Gazzettino, Lettere e Rubriche", Udine, 8.03.14 ]

Der konzertante Teil wurde mit dem International bestens präsenten italienischen Klarinettisten Nicola Bulfone bestritten, der das Klarinetettenkonzert von op. 57 Carl Nielsen mitbrachte. Der sympathische Gastsolist bewältigte in diesem Werk mit dem Orchester ein hartes Stück Arbeit, dies war dem Publikum bewusst und deshalb zurecht der reichliche Applaus. ( … ) Den verdienten Applaus belohnte Nicola Bulfone mit einem raffinierten Solo – Stück von Strawinsky. [Aus “Vogtland Anzeiger”, 24.11.09]

Der Italiener Nicola Bulfone gehört zu den wenigen Klarinettisten, die das technisch enorm schwierige Werk ständig ( Das Konzert von Carl Nielsen ) im Repertoire haben. Er kam in Reichenbach sicher durch seinen Part und ließ das Raffinierte, Doppelbödige der Vorlage mit sichtlichem Vergnügen hörbar werden. [Aus “Freie Presse”, 21.11.09]

Das Klarinettenkonzert op.57 von Carl Nielsen war ein interessantes Werk und forderte vom Solisten höchste Virtuosität … Nicola Bulfone beherrschte die gesamte Bandbreite an Virtuosität bewundernswert und hatte auch ein Nerv für die spröde musikalische Sprache Nielsens. [Aus “Ostthüringer Zeitung” Greiz, 15.11.09 ]

Divertimento scatenato con Mendelssohn […] nel Konzertstück in re minore per Clarinetto, Corno di bassetto e pianoforte per il quale Ulf Rodenhäuser aveva invitato il clarinettista italiano Nicola Bulfone, suo ex studente, in qualità di Corno di bassetto. Nel presto iniziale le chiavi degli strumenti “crepitavano” sotto le dita degli esecutori, nell’Andante si è potuto apprezzare il romanticismo malinconico quasi singhiozzante e nel Finale si approdava ad un virtuoso “stile buffo”. I due professori hanno festeggiato così il loro incontro all’insegna della brillantezza tecnica.[ Erwin Schwarz “ Eßlinger Zeitung „ 15.01.08 ]

... nel Quintetto di Mozart KV 581 per Clarinetto di bassetto e archi … tocca a Nicola Bulfone mettersi in evidenza: equilibrato nell’Allegro di apertura, affronta il successivo Larghetto con notevole sensibilità melodica; … il conclusivo Allegro ne evidenzia la padronanza nei passaggi tecnici e l’elegante contrasto negli stacchi delle variazioni. [ Andrea Busato – “ Il Gazzettino “ Pordenone, 24.08.06 ]

… Altissimo il livello dell’esecuzione di questo difficile lavoro ( Bartòk: Contrasti per Clarinetto, Violino e Pianoforte ). In esso Nicola Bulfone, che nell’Allegro vivace usa sia il Clarinetto in La che quello in Sib, rivela una tecnica di assoluto livello e un suono sempre capace di rendere il climax bartokiano. [ Sergio Zolli – “ Il Messaggero Veneto” 13.08.06 ]

Louis Spohr Sinfonietta con ospiti d’eccezione: … ad eseguire il KV622 di Mozart è stato Nicola Bulfone, con un suono pulitissimo ed una mirabile cura nei particolari costruita sulla respirazione e sul fraseggio. [ Daniela Bonitatibus – “ Il Gazzettino “ Spettacoli, 10.08.06 ]

Rijeka, Croazia. … il celebre clarinettista udinese Nicola Bulfone … accompagnato dall’Orchestra da Camera di Fiume. La serata ha toccato il suo “diapason” col Concerto per Clarinetto di bassetto in La maggiore KV622 di W.A.Mozart, nell’interpretazione di Nicola Bulfone, vero “asso” del suo strumento, capace di ogni sfumatura, pronto all’impeto quanto al sommesso “recitativo”, quanto alla rapita cantabilità melodica ed alla fantasiosa improvvisazione. [ Fabio Vidali – “ La voce del popolo, Cultura e Spettacoli, Rijeka / Fiume 14.07.06 ]

Nicola Bulfone interprete sovrano su due strumenti. … nel concerto per Corno di bassetto di A. Rolla, l’eccezionale clarinettista Nicola Bulfone ci conduceva in un mondo sonoro caratterizzato da un classicismo virtuoso i cui passaggi, i grandi salti e le melodie meravigliosamente dipanate il solista controllava con facilità ed interpretava con un bellissimo suono. […] Nelle Variazioni di G.Rossini Nicola Bulfone brillava con il clarinetto in do plasmando la sua parte melodiosa con una grande varietà dinamica e versatilità nell’esecuzione degli abbellimenti e delle volatine. [ Irmengart Müller – Uri, Ostthüringische Zeitung 27.03.06 ]

... molti ringraziamenti e complimenti vanno a Nicola Bulfone per avere pubblicato e inciso questi concerti per Clarinetto e orchestra di Carlo Paessler. Nicola Bulfone… ne fornisce una validissima interpretazione. Ho particolarmente apprezzato le varie cadenze improvvisate da Bulfone, tipiche della prassi esecutiva del tempo. Sono fantasiose e virtuosistiche. [ … ] Bulfone sa rendere molto bene lo stile declamatorio e la brillantezza dei recitativi dell’opera italiana che pervadono questa musica. [ Gail Lehto Zugger – “ The Clarinet” U.S.A. Vol. 33, Dicembre 2005 ]

Much thanks and kudos are due Nicola Bulfone for such a task of publishing and recording these works ( for clarinet and orchestra composed by Carlo Paessler ). He accomplished a great feat here. Bulfone ... provides a very strong performance of these works. I particularly enjoy Bulfone’s many improvised cadenzas... They are immaginative, virtuosistic and often times rather clever. He captures well the declamatory style and flare of the Italian opera recitatives. [ Gail Lehto Zugger – The Clarinet , December 2005 ]

…Concerto per clarinetto KV622 di W.A.Mozart, in cui il solista, Nicola Bulfone, toccava, nel registro acuto soprattutto, vette di virtuosistica morbidezza, attraverso insensibili variazioni di registro ( memorabile l’esordio, di emozionante solennità, dell’Adagio ) . [ Lucia Ludovica de Nardo – “ Il Gazzettino “ 01.04.05 ]

… Il momento più intenso della serata è stato lo splendido Adagio dal Concerto per clarinetto in cui Nicola Bulfone ( che ha utilizzato il clarinetto di bassetto così come richiesto da Mozart ) ha tenuto l’uditorio con il fiato sospeso “disegnando” con intensità la splendida curva melodica del tema principale. … [ Stefano Damiani – “ La vita cattolica” 01.11.03 ]

… Il solista Nicola Bulfone convince in tutte le composizioni con suono pulito e una tecnica clarinettistica perfetta. [ “ ‘rohrblatt” – rivista specializzata per fiati. Germania, Giugno 02 ]

… impeccabile esecuzione.. [ Istituto Italiano di Cultura di Bratislava – Slovacchia 17.02.03 ]

… accompagnato dal Collegium Musicum, Nicola Bulfone – primo clarinetto dell’orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia- … esegue con maestria e dolce espressività le musiche del Paessler… [ Sandra Mansutti – “ Il Gazzettino” / Spettacoli 04.04.01 ]

… il solista del CD, l’ottimo clarinettista Nicola Bulfone, ha tutte le carte in regola per esibire un virtuosismo sotto controllo, misurato e sicuro… [ Maurizio Bignardelli – “ I Fiati”, Cultura e informazione sugli strumenti a fiato. Roma, Aprile 2001 ]

… Bulfone ha aperto la serata ricamando con un eccellente controllo d’emissione i fraseggi del Quintetto di Weber. Risolvendo i tratti virtuosistici dell’opera …con particolare fluidità, si è unito ai compagni raggiungendo punti d’assieme musicalmente incantevoli. [ Daniela Bonitatibus – “ Il Gazzettino 06.08.01 ]

… Nicola Bulfone ai clarinetti, vero leader del gruppo, con un impatto interpretativo di assoluto rilievo… [ D.G. Leonardi “ Messaggero Veneto” 01.11.2000 ]

Nicola Bulfone, corno di bassetto, eccezionale solista… accompagnato dalla Filarmonia Slovacca … [ “Hudobny Život” – Bratislava 03.2000 ]

… nel Concerto n.1 per Clarinetto e orchestra di Weber, … il solista Nicola Bulfone… si è ammirato per il suono caldo, perfettamente intonato e ricco di nouances dinamiche imponendosi sul “tutti” grazie a talento, preparazione e comunicativa. [ Renato della Torre – “ Messaggero Veneto 09.02.99 ]

… Sugli scudi il clarinetto dell’udinese Nicola Bulfone, più volte apprezzato per la leggerezza dell’emissione, per la capacità di non gonfiare mai il suono, per l’agilità nei passi veloci unita ad un’espressività intima e convincente. … [ Claudio Gherbiz – “ Il Piccolo” di Trieste, 31.01.’99 ]

… concerto in la maggiore KV 622 di Mozart… nel ruolo solistico si è ammirato Nicola Bulfone che ha ricavato dal suo strumento una ricca gamma dinamica e toni suadenti ed espressivi in ogni registro, specie in quello basso, imponendosi sull’insieme… [ R.G. – “ Messaggero Veneto “ 04.08.’96]

… interprete preparato, con una punta di diamante nell’epressività del clarinettista udinese Nicola Bulfone: suo il momento più creativo della serata … affidato al clarinetto solo. [ Fedra Florit – “Il Piccolo” . Trieste, 02.11.’95 ]